Ipad e vari tablet per lavorare

imageIl recente “iPad for Business Survey 2012” firmato IDG Connect mostra chiaramente come la tavoletta Apple stia diventando uno strumento indispensabile per l’utenza business – soprattutto come mezzo per la consultazione dei media digitali – in grado di rimpiazzare con sempre più efficacia i tipici computer da ufficio.

Quali nel dettaglio le caratteristiche di un utilizzo tipicamente business dell’iPad? Innanzitutto, l’iPad viene utilizzato all’interno dei tipici scenari lavorativi con molta più intensità rispetto ad utilizzo tipicamente casalingo: il 51% dei decision-maker coinvolti nella ricerca utilizza “sempre” l’iPad in ufficio (“alle volte” il 40%) con un 79% che dichiara un utilizzo intensivo “on the road”.

Si evidenzia così un utilizzo su doppio asse dello strumento: per lavoro e per piacere, con un’enfasi particolare sull‘utilizzo in movimento. Nonostante ciò, solo il 29% del campione dichiara di utilizzare di frequente la connessione alla rete; ciò indica un utilizzo considerevole dell’iPad come strumento per la consultazione di media già presenti nel device.

Cosa leggono quindi i professionisti grazie al loro iPad? Principalmente fogli Excel, Word e presentazioni PowerPoint da utilizzare al lavoro o inviati dagli altri colleghi; la tavoletta Apple viene inoltre considerata un “must have” per la lettura dei documenti in formato PDF. Seguono la navigazione sul Web e la lettura di news.

In ambito business l’iPad sembra quindi raccogliere sempre più consensi e per ben il 16% del campione avrebbe già completamente rimpiazzato il tradizionale computer laptop o almeno lo avrebbe parzialmente sostituito (54%). La fedeltà al marchio Apple appare direttamente correlata al grado di soddisfazione: il 50-75% del campione si dichiara infatti soddisfatto di ciò che offre Cupertino.

L’utilizzo dell’iPad come lettore multimediale ha inoltre inciso significativamente sui consumi di libri, giornali e DVD; ciò offre quindi importanti spunti di riflessione per i produttori di contenuti, che oramai non possono più ignorare il fenomeno tablet se intendono affermarsi sul mercato.

Lascia un commento